Come diventare blogger partendo da zero: la checklist completa 2021

Hai tante idee, vorresti condividere la tua passione e le tue esperienze in uno spazio tutto tuo nella rete.

Sai che la soluzione perfetta è un blog, ma dove iniziare? E come evitare di commettere errori da principiante?


Ti spiegheremo tutto in questo articolo, che potrai usare come una vera e propria check list che ti porterà da “vorrei diventare un blogger però non so come” a “è tutto pronto, ora si fa sul serio!



1# DEFINIRE I CONTENUTI PER IL TUO BLOG


Individua innanzitutto la tua motivazione, definisci bene perché vuoi aprire il tuo blog.

Questo sarà un diario in cui condividere i tuoi pensieri o un piccolo manuale ricco di consigli? O forse il tuo obiettivo principale è pubblicizzare il tuo lavoro, i prodotti che crei e i servizi che offri?


È importante sapere sin dall'inizio come dovrà apparire nel tempo il tuo blog, così ogni decisione che prenderai la farai sapendo di non andare mai "fuori strada".

Se hai scelto di viverlo come un diario personale e non ti interessa particolarmente scalare la SERP (la lista dei risultati di ricerca) di Google, allora lasciati guidare solo dalla tua "penna", altrimenti ti consiglio di pianificare più nel dettaglio i tuoi prossimi passi.






Ora che hai l'obiettivo ben chiaro, puoi procedere con lo step più importante: individuare le persone a cui dedicare i tuoi contenuti.

Saranno principalmente uomini oppure donne? Quale sarà la loro età media?

Nel caso in cui vorrai produrre contenuti "tecnici", i tuoi lettori saranno esperti del settore oppure principianti?


Queste informazioni ti saranno utilissime innanzitutto per impostare i tuoi testi. Parlerai al maschile o al femminile? Utilizzerai un linguaggio tecnico oppure preferirai parole semplici e adatte a tutti?


Ma non è tutto: più chiaramente riuscirai a definire il tuo lettore ideale, il tuo pubblico, più facile sarà scrivere i tuoi blog post.

In questo modo saprai quali argomenti trattare, su quali aspetti soffermarti, quali problemi comuni puoi contribuire a risolvere.



2# STABILIRE LA PUBBLICAZIONE E LA PROGRAMMAZIONE


Tieni sempre in mente la tipologia di persona alla quale vuoi rivolgerti e chiediti: cosa cercherebbe questa persona su Google?


Questo ci introduce al prossimo punto della check list: l'individuazione degli argomenti per i tuoi primi post.

Può rappresentare la fase più difficile o quella più facile, dipende da te, dalle tue idee e da quanto bene conosci il tuo pubblico.


Il nostro consiglio è non arrivare impreparato alla pubblicazione del tuo primo articolo ma stabilire in anticipo un calendario editoriale, quindi cosa pubblicherai in quali giorni. Perché dovresti farlo e non "vivere alla giornata"? Perché questo è tra gli errori più comuni che porta immancabilmente a uno di questi due scenari:

  • Hai tantissimo entusiasmo all'inizio, ogni giorno scrivi un nuovo articolo, però dopo le prime settimane ti accorgi che hai già esaurito tutti gli argomenti e ti ritrovi a corto di idee e non sai come procedere.

  • Scrivi il primo articolo, poi le mille cose della vita ti distraggono e aspetti il momento libero successivo per scrivere di nuovo, intanto hai "perso il filo del discorso" e le persone, non vedendo nuovi contenuti, hanno concluso che tu abbia abbandonato il tuo progetto.


In base alla quantità di argomenti individuati e soprattutto in base al tempo che sai di poter realisticamente dedicare al tuo blog, fissa una frequenza di pubblicazione. Se sai di non avere molto tempo, meglio pubblicare un solo post a settimana in modo continuativo piuttosto che un articolo al giorno e poi restare fermo per settimane. Nei periodi in cui sei super creativo o hai molto tempo libero scrivi tutto ciò che ti viene in mente, produci anche molto più materiale rispetto a quanto stabilito, e tienilo da parte. In questo modo non avrai mai il problema di affrontare eventuali imprevisti e "blocchi dello scrittore".



3# APRIRE IL BLOG

Adesso che il progetto è ben chiaro, manca solo una cosa: materializzare la tua idea.

I modi in cui è possibile costruire un blog sono diversi, non ce n'è uno migliore o uno peggiore in assoluto, ma c'è quello perfetto per te!



A questo step prestiamo sempre molta attenzione e ci dedichiamo sempre almeno un brief e una call per parlarne nel dettaglio con il cliente. In questo articolo non potremo andare così tanto nel dettaglio ma ti daremo delle linee guida solide su cui poter iniziare a ragionare.


Prendiamo in considerazione le due piattaforme più utilizzate in ambito blog: Wordpress e Blogger di Google.


BLOGGER

Nata come Blogspot, si tratta della storica piattaforma creata da Google per avvicinare il mondo del blogging a tutti.

Per iniziare devi solo accedere con il tuo account Google, scegliere un layout e scrivere i primi articoli.

La facilità d'uso è davvero estrema però le funzioni e le personalizzazioni integrabili sono davvero pochine.

Considerando che è completamente gratuito e ti permette di collegare un dominio personale esterno (ovvero apparire come www.nometuo.it anziché www.nometuo.blogpsot.com) senza pubblicità brandizzata invadente, possiamo dire che è un'opzione molto interessante.



WORDPRESS

Una prima distinzione da fare è tra Wordpress.com e Wordpress.org

La filosofia alla base è la medesima però nel primo caso avrai a disposizione una piattaforma già pronta all'uso mentre nel secondo dovrai installarlo tu in uno spazio specifico, l'hosting. Ma la differenza non è solo questa, altrimenti la scelta sarebbe fin troppo facile😄


Wordpress.org è un progetto open-source e ti offre praticamente tutto: hai una scelta infinita di temi gratuiti e premium tra cui scegliere, puoi installare qualsiasi plugin che ti permetterà di fare ogni cosa sul tuo blog.

Per iniziare hai bisogno di un hosting e un dominio (che naturalmente dovrai pagare annualmente ma puoi scegliere tu quanto investire in questo aspetto) e poi dovrai installare dapprima wordpress (gratuito) e poi un tema (free o a pagamento in base alle tue esigenze).

Poi, in base alle tue conoscenze tecniche, potrai procedere con le personalizzazioni che preferisci.

Insomma con wordpress.org il potere è davvero nelle tue mani (o in quelle del web designer a cui ti affidi)!


Wordpress.com ha potenzialmente le stesse funzionalità della versione .org, a cui aggiungi il vantaggio di non dover gestire installazioni nè acquistare hosting e dominio e poter contare su un servizio assistenza. La comodità però ha sempre un suo costo, in questo caso si tratta di un abbonamento mensile. I pacchetti proposti sono differenti e il concetto è uno solo: più funzionalità vuoi implementare più dovrai pagare.

Si parte dall'abbonamento gratuito in cui puoi solo scegliere tra alcuni temi gratuiti e non potrai né eliminare le pubblicità wordpress sul tuo sito né avere un tuo dominio personale, ad altri man mano sempre più ricchi di vantaggi.




Il nostro consiglio?

In base al progetto che hai definito e ai tuoi obiettivi, chiediti:

  • quanto sarà importante avere un'immagine personalizzata ben riconoscibile (sia come dominio sia come grafica)?

  • quanto sarà importante un buon posizionamento su Google (aspetto SEO)?

  • oltre agli articoli quante funzioni vorrai integrare (iscrizione alla newsletter, modulo contatti, chat...)?

  • quanto tempo o risorse sei disposto ad investire nella costruzione del tuo blog?

  • preferisci il “fai da te” oppure delegare ad un professionista in modo da passare direttamente alla parte che ti piace di più, scrivere?


Una volta risposto a tutte le domande, capirai facilmente qual è la piattaforma più adatta a te e come procedere.



Allora non ti resta che iniziare a dedicare un po' di tempo al tuo progetto!


Se hai trovato utile quest'articolo o pensi che possa essere utile a qualcuno che conosci, condividilo pure con i tuoi amici e sui tuoi social preferiti. Mentre se vuoi farci qualche domanda scrivici qui nei commenti.


Contatti

Contatto whatsapp
Contatto email

Servizi

Realizzazione foto per siti internet

FEDRO DIGITAL MARKETING ®  di Federico Gaspari P.IVA 15580081006

© Copyright 2020-2021